1. Che cos’è il bitume? E’ pericoloso?
Il bitume è un prodotto non pericoloso della raffinazione del petrolio. Secondo il Regolamento Europeo 1272/2008, che stabilisce la classificazione di tutte le sostanze pericolose, il bitume non presenta pericoli fisico-chimici, non presenta pericoli per la salute e non presenta pericoli per l’ambiente.

2. A cosa serve il bitume?
Il bitume viene utilizzato quotidianamente per lavori di asfaltatura stradale, edilizia civile e industriale - guaine di protezione, isolamenti, coibentazioni, ecc..

3. A che temperatura viene depositato e movimentato il bitume?
Il bitume per essere manipolato, trasportato e immagazzinato deve essere allo stato liquido, a una temperatura tra i 140° e i 150°C.

4. Quali altri depositi di bitume ci sono in Italia/Europa?
Per citarne alcuni: Livorno, Napoli, Volpiano, Rotterdam, Costanza.

5. I fumi che rilascia il bitume sono pericolosi?
I fumi del bitume non sono categorizzati come R45 (cancerogeni) e non esistono statistiche in tal senso relative a casi di cancro causati da fumi di bitume fuso.

6. Esiste una temperatura di infiammabilità del bitume?
I rischi di infiammabilità sono possibili soltanto alla temperatura di infiammabilità che mediamente si aggira valori superiori a 230 °C (che assolutamente non rientrano nei parametri di processo dell’impianto).

7. L’attività di stoccaggio/movimentazione di bitume è considerata pericolosa?
NO, Secondo il Regolamento Europeo 1272/2008, che stabilisce la classificazione di tutte le sostanze pericolose, il bitume non presenta pericoli fisico-chimici, non presenta pericoli per la salute e non presenta pericoli per l’ambiente. Il bitume viene stoccato e movimentato a temperature elevate per mantenerne la fluidità, ma non per questo l’attività è da considerarsi pericolosa, in particolar modo per la popolazione.

8. Quale è la pericolosità di codesti fumi per la salute?
I fumi del bitume non sono categorizzati come R45 (cancerogeni) e non esistono statistiche in tal senso relative a casi di cancro causati da fumi di bitume fuso.
Il bitume è un prodotto ampiamente presente nella vita quotidiana della popolazione e viene utilizzato a temperature elevate per lavori di asfaltatura stradale, edilizia civile e industriale - guaine di protezione, isolamenti, coibentazioni, ecc..
Non esistono statistiche relative ad avvelenamento da fumi di bitume, né sono stati registrati decessi collegati all’avvelenamento da bitume, neanche per i lavoratori.

9. Cosa succede se il bitume cade in mare?
Un evento eccezionale che portasse alla rottura dei serbatoi causerebbe una fuoriuscita di bitume che, a contatto con l’acqua di mare, solidificherebbe immediatamente e rimarrebbe galleggiante sulla superficie dell’acqua. La fuoriuscita non porterebbe alcun pericolo alla salute delle persone.

10. E in caso di onda anomala?
In caso di onda anomala, la quantità di acqua sarebbe tale da non consentire al bitume in raffreddamento di emettere fumi, il bitume si solidificherebbe diventando un granito di bitume.

11. Quale l’impatto sull’ambiente marino?
Secondo il Regolamento Europeo 1272/2008, che stabilisce la classificazione di tutte le sostanze pericolose, il bitume non presenta pericoli per l’ambiente, compreso quello marino.
Tuttavia, al fine di ridurre al minimo l’impatto il deposito BIT sarà dotato di impianto di trattamento delle acque di prima pioggia e di trattamento delle acque reflue idoneo alla gestione di scarichi industriali. L’impianto assicurerà lo scarico di acque con carichi di inquinanti conformi ai limiti di legge.

12. Il bitume a contatto con l’acqua crea rischio di esplosione?
Nel caso del terminal BIT Savona il rischio di esplosione è impossibile. Il contatto con l’acqua è pericoloso soltanto in caso di contatto in spazi confinati, quando l’acqua, evaporando a contatto con il bitume, porta la pressione del sistema a un livello superiore a quello per cui il sistema viene progettato, causandone la rottura.
Nel caso di BIT Savona non c’è alcuna possibilità che l’acqua possa venire in contatto con il bitume in un sistema confinato. Lo stesso sistema antincendio è stato progettato in modo che non vi sia alcuna possibilità che l’acqua entri nei serbatoi che contengono il bitume.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visita la pagina privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.